“Alpinismo lento” a scuola si parla della filosofia che punta anche a sviluppare turismo e sport in modo sostenibile


Un progetto ed una conferenza titolata  “Alpinismo Lento….”  che si svolgerà il prossimo 24 maggio  presso l’Istituto Alberghiero F.lli Pieroni di Barga.

Parteciperanno 32 studenti del triennio, e saranno presenti gli insegnanti di Scienze Motorie Mario Cittadini e  Maria Chiara Marchetti, con Luisa Clerici e Chiara Angelini di Laboratorio di Ricevimento. Si tratta di una iniziativa che nasce dall’attenzione di Grazia Estatico, insegnante di economia turistica presso questa scuola.

Tutto prende spunto dal fatto che il dipartimento turismo del Ministero dei Beni Culturali ha avviato le procedure per dedicare l’anno 2019 al “Turismo Lento”, una particolare formula di turismo responsabile, fatto di sport cultura e tradizione. E che in tal il modello turistico-sportivo e culturale, denominato “Alpinismo Lento ed Orizzontale” promosso e praticato da tanti anni dall’associazione “Mangia Trekking”, la stessa ha ricevuto l’attenzione ed un  bel messaggio di riconoscimento proprio dal Ministero. Un apprezzamento confermato anche dalle autorevoli collaborazioni avviate in diverse Regioni, con il Parco Nazionale delle Cinque Terre, con il Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano, con il Parco Regionale delle Alpi Apuane, con il Parco Regionale di Montemarcello Magra Vara e dal Parco Regionale di Porto Venere, ed alcuni importanti Comuni.

Con l’anno 2016 dedicato ai Cammini, il 2017 denominato “Anno dei Piccoli Borghi” ed il 2018 intitolato “Anno del Cibo”, il programma sviluppato dalla Direzione Generale Turismo del Ministero dei Beni Culturali, promuove tutte le attività svolte dall’associazione: Cammini sulle Vie di Dante, sulla Via Francigena e sulla Via del Volto Santo; l’ideazione di eventi quale quello “Sulle Antiche Vie Religiose” in Val di Vara, “L’isola che c’è” e “Camminare e Nuotare” oppure ”Dall’altra parte del Presepe” sviluppate sul mare; attività sull’Alta Via dei Monti Liguri e negli attraversamenti tra gli stessi Parchi del Mare e quello dell’Appennino Tosco Emiliano o delle Apuane; Cani e Ciaspole, con percorsi, sviluppati seguendo, anche la rotta delineata dal celebre libro Lunigiana Ignota di Carlo Caselli. La valorizzazione dei prodotti tipici delle cucine tradizionali dei luoghi, sempre inserite nelle attività dell’associazione, e la riscoperta degli antichi mestieri, i pastori di Val di Vara, Lunigiana, Garfagnana e Ventasso, o gli scarpellini e i mulattieri dei territori, completano la piena coerenza tra le iniziative sensibili indicate dal Dipartimento Turismo del Ministero dei Beni Culturali, e quanto da sempre praticato dall’associazione Mangia Trekking.

Per questo motivo, per approfondire l’argomento e conoscere meglio la realtà di “Mangia Trekking”,  l’ISI di Barga  ha invitato il comandante Giuliano Guerri, presidente dell’associazione, nonché  “hiker – mountaineer”  a tenere una conferenza illustrativa dell’esperienza. L’incotnro servirà anche a valutare se nel prossimo anno scolastico, nel quadro di un programma di alternanza scuola lavoro, sarà possibile sviluppare un progetto comune ( scuola – associazione ), dedicato proprio alla filosofia del  turismo lento.

Tag: , , ,

Powered by WPeMatico

AdSense

Best Deals